Dinamismo di un corpo umano. Una litografia di Boccioni

Dinamismo di un corpo umano. Una litografia di Boccioni

Produttore: Quodlibet
SKU: 9788822903372
Disponibile
€20,00 €19,00
Descrizione

Autore: Silvia Vacca
Nel 1913 Umberto Boccioni realizza l'unica litografia nota dedicata al soggetto "Dinamismo di un corpo umano". In questa circostanza, l'artista, ricorrendo a una tecnica di solito destinata a grandi tirature e da lui non molto frequentata negli anni precedenti, realizza pochi esemplari della stampa, della quale ci sono pervenute solo tre copie, le uniche probabilmente realizzate. Una vicenda particolare, dunque, che sembra chiamare in causa i complessi rapporti fra disegno e stampa e che cade in un anno cruciale, in cui il Boccioni futurista crea alcune delle opere più importanti della sua carriera, ed espone i lavori scultorei in mostre personali a Parigi, Roma e Firenze. Acquisito dalla collezione di Riccardo Jucker, uno dei tre esemplari è oggi custodito presso il Museo del Novecento di Milano. Il presente libro mette ordine nella complessa storia collezionistica dell'opera, ma soprattutto ne indaga la genesi, grazie ad un serrato confronto con alcuni fogli conservati negli archivi del Castello Sforzesco di Milano, dove si trova il più importante fondo italiano di disegni di Boccioni. Accompagna la ricerca uno studio tecnico diagnostico svolto da Gianluca Poldi sulla litografia e sul relativo disegno.

Titolo Dinamismo di un corpo umano. Una litografia di Boccioni
Produttore Quodlibet
Tipo Copertina flessibile
ISBN 9788822903372

Autore: Silvia Vacca
Nel 1913 Umberto Boccioni realizza l'unica litografia nota dedicata al soggetto "Dinamismo di un corpo umano". In questa circostanza, l'artista, ricorrendo a una tecnica di solito destinata a grandi tirature e da lui non molto frequentata negli anni precedenti, realizza pochi esemplari della stampa, della quale ci sono pervenute solo tre copie, le uniche probabilmente realizzate. Una vicenda particolare, dunque, che sembra chiamare in causa i complessi rapporti fra disegno e stampa e che cade in un anno cruciale, in cui il Boccioni futurista crea alcune delle opere più importanti della sua carriera, ed espone i lavori scultorei in mostre personali a Parigi, Roma e Firenze. Acquisito dalla collezione di Riccardo Jucker, uno dei tre esemplari è oggi custodito presso il Museo del Novecento di Milano. Il presente libro mette ordine nella complessa storia collezionistica dell'opera, ma soprattutto ne indaga la genesi, grazie ad un serrato confronto con alcuni fogli conservati negli archivi del Castello Sforzesco di Milano, dove si trova il più importante fondo italiano di disegni di Boccioni. Accompagna la ricerca uno studio tecnico diagnostico svolto da Gianluca Poldi sulla litografia e sul relativo disegno.

  • Pagine: 148
  • Collana: Biblioteca Passaré
  • Data Pubblicazione: 27 giugno 2019
  • Lingua: Italiano
  • Peso: 240 gr.

Sponsors